Report Approfondimenti

Benvenuti su Marte. Se attingete citate l'autore: Maria Trozzi

Virgilia D’Andrea: maestra, anarchica, scrittrice e giornalista

Maestra, anarchica, scrittrice, giornalista

Maestra, anarchica, scrittrice, giornalista

di Mario Setta

Virgilia D’Andrea, quest’anno, ricorre l’80° anniversario della morte, sarebbe opportuno che se ne ricordasse la figura e che le sue opere, poesie e riflessioni incredibili, si diffondessero ovunque e soprattutto tra i giovani.

Nasce a Sulmona l’11 febbraio 1888. Resta orfana dei genitori non ancora fanciulla. A sei anni entra in collegio e vi uscirà con il diploma di maestra elementare. “Maestrina del popolo”, la chiamerà il suo compagno di vita, l’anarchico Armando Borghi. Amica dell’avvocato sulmonese, Mario Trozzi, si iscrive al partito socialista e fonda una sezione del partito… a Popoli. Con la licenza per l’insegnamento, conseguita all’Università di Napoli, fa la maestra nei paesi della Valle Peligna. Durante il terremoto del gennaio 1915 è insegnante ad Avezzano e ne racconterà in uno dei capitoli del libro “Torce nella notte”. Mentre insegna a Terni, l’amico Mario Trozzi la conduce con sé a Firenze ad incontrare Armando Borghi. L’incontro sarà determinante per i due. Un rapporto intimo e costante. Nella sua autobiografia, Armando Borghi scrive: “Amore libero, dicono taluni, come se potesse esistere l’amore schiavo. Restammo uniti quindici anni di lavoro, di lotte, di ansie, ostracismi, persecuzioni, carcerazioni, esilii, immutati e legati sempre l’uno all’altra dall’affetto e dalla stima”. Virgilia collabora attivamente con Borghi ed Errico Malatesta, scrivendo sui giornali dell’anarchismo e tenendo conferenze in varie parti d’Europa: Milano, Berlino, Parigi. Sempre attiva, sempre impegnata. Nel 1928 raggiunge Borghi negli Stati Uniti. E’ il periodo del caso “Sacco e Vanzetti”. Fa conferenze in varie località americane. Sorgono i primi sintomi d’una malattia incurabile. Il primo maggio 1933 viene ricoverata in ospedale a New-York. Morirà pochi giorni dopo, nella notte tra l’11 e il 12 maggio.

resizeFrancesca Piccioli, laureata in Storia contemporanea all’Università di Pisa, abruzzese nata a Popoli nel 1978, ne ha scritto uno dei libri più belli dal titolo Virgilia D’Andrea, storia di un’anarchica, Centro Studi Libertari Camillo Di Sciullo, Chieti 2002.

Un libro, documentato e preciso che presenta la figura della D’Andrea nelle sue sfaccettature di maestra, impegnata nel sindacato, compagna di vita, attiva nell’anarchismo, giornalista, conferenziera, scrittrice.

Annunci

Grazie per l'intervento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Questo è un blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Parte delle immagini di questo blog viene dalla Rete e i diritti d'autore appartengono ai rispettivi proprietari.

Vaso in pietra della Majella

Foto Maria Trozzi

Sulmona2013. Differenze. Il vaso poi è ricomparso. Sarà lo stesso?

Cecia Lascia ‘Stu Strunz !

Foto Maria Trozzi

Fontana Ovidio Fonte d'Amore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: